lavoro, personal branding

Uno scambio virtuale di biglietti da visita? BASTA!

Ben ritrovati, mi scuso come prima cosa dell’assenza…

Utilità o inutilità

Sto riflettendo sulle enormi possibilità che ci da un buon network e sull’inutilità di non coltivarlo e sfruttarlo bene…. sarà perchè serve a me stessa ma anche perchè è un’attività che faccio costantemente con i candidati che seguo in Outplacement. L’analisi del network, ricostruirlo, integrarlo, connetterlo fa parte del percorso che chi lavora con me affronta.

mi spiego: io leggo, ascolto, condivido, scrivo, commento, rispondo, chiedo contatti, accetto contatti, amicizie, offro sempre la mia disponibilità a dare un aiuto (non dovuto) a chiunque me lo chieda; dispenso consigli, suggerimenti, condivido spontaneamente idee e novità….

Da me potete, infatti, aspettarvi messaggi, attraverso i social, del tipo “sfruttiamo davvero il network” oppure “creiamo davvero la rete” perchè tutte le mie azioni sopra riportate hanno un unico scopo: cambiare le cose, l’ottica della comunicazione, riportare tutti in un’ ottica  di fiducia e di collaborazione spontanea. Lavoro molto con i social e proprio a loro devo riconoscere il merito di discreti risultati raggiunti in termini di connessioni tra persone.

Spesso ricevo risposte confortanti, perchè tanti, capiscono che si può dare e ricevere e che qui, nel web 2.0, le regole sono differenti; prima di tutto, ad esempio, se posso, do quasi sempre del tu a tutti, proprio perchè l’atteggiamento che ho e che vorrei ricevere è di scambio, di collaborazione, propenso a costruire e non crogiolato in ossequi o virtuali scambi di biglietti da visita!

Uno scambio  virtuale

Mi piacerebbe che le persone all’interno della mia rete contassero sulla reciproca collaborazione, che chiedessero mostrandosi disponibili anche a dare. Non ci vedo nulla di male nella miriade di richieste che ricevo sulla consulenza di carriera, sui CV, sul desiderio di cambiamento e sono sempre disponibile a rispondere e a confrontarmi con loro.

Le mie conclusioni

Il network va curato con obiettivi chiari, con costanza e con sentimento ma soprattutto va sfruttato! Cosa mi servono 1000 contatti su linkedin se poi non so interagire, non li contatto, non cerco collaborazione da loro? Credo che ci voglia anche un po’ il coraggio di chiedere in maniera umile.  Ognuno ha tanto da dare facendo poca fatica e quel poco che ha da offrire, che sia un consiglio, un passaparola, una segnalazione, un appuntamento commerciale, o altro… è oro per chi lo riceverà! Allora perchè non cominciare?

Questo è quello che provo a spiegare a chi seguo nella mia attività di Consulenza di Carriera, a sfruttare il network, a dare ma anche a chiedere; a scambiarsi favori, insomma, per raggiungere il traguardo di farsi scegliere, scegliendo!

E voi, quanto curate il network? Quanto interagite con i vostri contatti?

a presto!

 

lavoro

6 regole (Manga) per far carriera!

image

Un caro amico me lo ha consigliato e rifaccio la stessa cosa con voi:

intuitivo, divertente, easy, profondo

Il primo Business Manga che insegna a far carriera

6 regole per avere successo:
– non esiste nessun piano a lungo termine  – x può portare a w e w potrebbe portare al colore blu!
– punti di forza e non di debolezza  – cosa è che fai sempre e comunque bene? che attività ti genera un flusso?
– al centro non ci sei tu  – le persone di successo migliorano la propria vita migliorando quella deglia altri
– la perseveranza vince sul talento – va più lontano chi persevera quando gli altri si arrendono
– fai degli ottimi errori – ogni errore migliora un pochino e ti avvicina all’eccellenza
– lascia un’impronta – ponendoti le domande nel momento giusto

raccontate e disegnate . . . e non così scontate!

Cosa ne dite? Quale regola è meno scontata e più difficile per farci scegliere scegliendo?

A presto
Anna